QUANDO LA "STORIA" TORNA A PASSARE SOTTO LE FINESTRE DI CASA... #progettoiceberg
08/06/2017

Prendete una storia, una strada, un gruppo di uomini e un pezzo di terra... Fatto? Bene!

Ora prendete la città, le sue evoluzioni stratificate fatte di fango, cemento e marmo, e non dimenticate di prendere le parole, quelle volute e quelle scappate per sbaglio, quelle scritte e quelle mai pronunciate ma custodite nella memoria di tutti... Come? Cosa si ottiene? Semplice: La Storia...

 

Dopo quasi venti giornate di spettacoli itineranti nella città con gli studenti di Varese (quasi 800!), la ricetta di Progetto Iceberg si dimostra vincente: La Storia, quella dei libri, delle lezioni, dei bigliettini nascosti negli astucci cambia di segno e grazie al teatro diventa qualcosa di vivo, tangibile, reale: emozioni e scelte passate sotto le finestre di casa... “Così anche il risorgimento diventa una cosa interessante” ci dice uno studente sottovoce come fosse un'eresia...

Andando però al di là delle soddisfazioni, questa frase ci fa riflettere sul nostro ruolo nella città: eretici...

 

"Eresia", fuori dall'ambito religioso, viene utilizzato in senso figurato per indicare un'opinione o una dottrina filosofica, politica, scientifica o persino artistica in disaccordo con quelle generalmente accettate come autorevoli. (Wikipedia)

 

Insomma, la definizione di #culturadicontrabbando comincia a stare stretta e si avvicina il tempo di fare un passo in più... Cosa ci aspetta? Ancora non lo sappiamo, ma sappiamo che il futuro non potrà che essere inquisizione o riforma... ciò che resta è il desiderio che ci spinge fin dal primo minuto: #spostiamolecose perché restare fermi significa morire...