Su di noi

Siamo un gruppo di artisti Under 35, per la maggior parte formatisi alla scuola di Teatro Arsenale di Milano, che nel 2013 ha scelto di lavorare insieme.
La visione comune è quella di un teatro concreto, artigianale, fatto a mano, che sappia raccontare la storia nascosta nel materiale grezzo unendo linguaggi popolari a tematiche contemporanee.

Come un buon artigiano non può ignorare le esigenze della propria comunità, noi abbiamo scelto di creare un rapporto con il nostro territorio: Varese, un grande laboratorio in cui il teatro si mischia alla valorizzazione degli spazi della città, al lavoro sociale, al turismo, alla formazione.
Abbiamo scelto di abitare una terra di frontiera, un luogo di passaggio, di scambio e di poche certezze…
​È proprio in questa dimensione liquida che crediamo sia stimolante e necessario fare arte: un teatro di confine, fatto insieme a coloro che vorranno passare da qui, e, ovviamente, con poche certezze.

STEFANO BEGHI
Direttore artistico, attore, regista, autore, formatore

Ho cominciato a fare teatro da grande, per caso, e adesso non riesco più a smettere.
Dopo il diploma alla Scuola di Teatro Arsenale di Milano nel 2013, avevo così voglia di teatro che ho cominciato a farlo dappertutto: sui palchi, per strada, a casa della gente, nei bar, in montagna… Ho capito che il teatro mi piace solo quando sta vicino alle persone.
Dopo anni di lavoro come animatore sociale e formatore nell’ambito del Community Building, il teatro mi ha dato la possibilità di mettere insieme le mie due anime: quello di “cambiatore del mondo professionista” e quella di creativo.
Adoro il cibo (e si vede), le camice a quadretti, le lunghe chiacchierate e la montagna.
Detesto i tappeti rossi, il caldo (non trovate che faccia sempre troppo caldo?), rifare il letto e le cravatte.
Per il resto, tutto bene.

MATTEO SANNA
Attore, autore, formatore

Mi chiamo Matteo Sanna e ho 29 anni. Questa è la versione ufficiale… In realtà il mio vero nome è Gianbabbeo e viaggio per il mondo da moltissimo tempo! Cerco storie che valga la pena scoprire e raccontare. Per farlo, gioco al teatro dappertutto… tranne che in teatro! Diplomato alla Scuola Arsenale di Milano, studente di Storia, ricercatore, scrittore e attore.

MARCO PRESTIGIACOMO
Musicista

La sua regina è la sperimentazione. Nel 1988 arrivò la prima chitarra ma la svolta avvenne nel 1996 con la cultura hiphop, due piatti ed un mixer. Poi il primo campionatore, la prima chitarra elettrica, il blues, la natura, il rock psichedelico, il fingerpicking, il funk, i Pazzi Del Bosco, le accordature aperte, la natura, il raggae, i sintetizzatori, le sonorizzazioni. Insomma un incrocio di generi e strumenti che solo la continua sperimentazione può supportare. Una strada ancora tutta da percorrere!

SUSANNA MIOTTO
Attrice

Da piccola sognavo di fare l’attrice per essere truccata, pettinata e indossare i vestiti dell’Ottocento. Nel mio primo spettacolo in un teatro grande e bello, ero spettinata, senza trucco e con i vestiti sì dell’Ottocento, ma da operaia di una tintoria. Però c’era qualcosa di magico, di inaspettato… qualcosa che mi ha fatto capire che là, sul palco, io stavo proprio bene.
Mi sono iscritta alla Scuola di Teatro Arsenale perché volevo imparare i segreti del mestiere, ma, come ho imparato leggendo One Piece, la cosa più importante è trovare l’equipaggio giusto con cui affrontare i mari. E lì l’ho trovato.
Ora sono qui, su una nave a forma di piramide, e sulla prua non c’è un leoncino ma uno Yak! In effetti, oltre a fare l’attrice truccata, da piccola sognavo anche di fare la piratessa. (E anche il tirannosauro, se devo dirla tutta, ma questa è un’altra storia!)

MADDALENA VANOLO
Direzione organizzativa

Adoro il teatro là dove nasce, dietro le quinte, sui tavoli di una riunione, sui post-it colorati attaccati in ufficio… mi piace prendermi cura delle idee e dei dettagli che rendono un bel progetto un buon progetto. Ecco perché faccio l’organizzatrice teatrale: perché adoro stare vicina agli sguardi incantati delle persone in platea, adoro scommettere sulle cose che ancora sono solo delle idee, e, soprattutto, adoro attaccare i post-it.
(“Adoro anche le borse e le scarpe col tacco… devo scriverlo?”
“No, devi scrivere che Dopo la Laurea in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica del Sacro Cuore ti sei diploma alla Civica Scuola Paolo Grassi di Milano”
“Giusto!”)