SV19#6 "LA RESILIENZA DEL METALLO"
26/01/2019

Spazio Yak, piazza Fulvio De Salvo 6 Varese - ore 21

Di come una scuola sopravvisse alla dittatura.

 

E' possibile salvare il mondo attraverso l'Arte? O il Male è talmente grande che non vale
nemmeno la pena provarci? Dopo la fine della prima guerra mondiale un gruppo di artisti,
architetti e artigiani, fondano il Bauhaus: una scuola d’arte, un luogo in cui sarà la bellezza a
lottare contro il Nazismo.

 

Immaginate un Paese devastato dalla guerra, vessato dalla crisi economica, politicamente allo
sbando. Immaginate un uomo di ritorno dalle trincee, dove ha visto morte e vissuto solitudine,
che ora sogna un Luogo di cooperazione e rinascita. Immaginate un gruppo di artisti, architetti,
artigiani, che costruisce questo Luogo e ne fa il cuore palpitante di una rivoluzione pacifica che entra nelle case di ogni uomo e donna del Paese portando utilità, praticità e bellezza.

Immaginate che a qualcuno tutto questo non piaccia e voglia chiudere quel Luogo. Ora
sostituite la parola Luogo con Bauhaus. Qui si intrecciano le vite di Anni, Isaak e Moses, giovani
artisti dai sogni ambiziosi, idealisti costretti a fare i conti con la rapida ascesa di un'ideologia
oppressiva e distruttrice, costretti a chiedersi quale sia il ruolo dell'Arte nella società in cui
vivono e a scegliere come occupare quel ruolo. Si può essere artisti senza occuparsi dei bisogni
della società? Si può essere incisivi e utili senza scendere a compromessi e rimanendo fedeli ai
propri ideali?
Si può essere artisti senza essere liberi?
Questo e molto altro è il Bauhaus.

 

Di e con: Laura Angelone, Susanna Miotto, Alice Pavan
Luci: Martino Minzoni

 

Inizio spettacolo ore 21.

Aperitivo a cura di EDUBAR della Cooperativa Sociale L’aquilone a partire dalle ore 20. Costo 5€.

 

Biglietto intero 12€

Biglietto ridotto (studenti, under 26, over 65, teatranti professionisti) 8€

Registrazione: 
La mail da associare alla registrazione